Vai direttamente al contenuto

Io non voglio cambiare provincia - Tappe 6 e 6 bis

🗓 Quando: 🙇🏻‍♂️ Categoria: Miscellanea 💁🏼‍♂️ Cosa: Bicicletta, Umbria, Bologna - Martinsicuro, Marche, Abruzzo

Riprendo e chiudo il racconto dell’ultima parte così faccio anche il punto di tutto il viaggio. 

Che poi, proprio in questi giorni un ragazzo di Lugo che seguo è appena arrivato a Capo nord in bicicletta… così, giusto per guardare le cose da un’altra prospettiva.

Ma veniamo alla traversata più chiacchierata dell’estate (almeno su queste pagine).

TL;DR

Tappa 6 (martedì mattina) Da Norcia ad Ascoli Piceno con il secondo dei due passaggi critici. Questo è stato il pezzo più impegnativo e quello più carico di emozioni: tragitto maledetto di Komoot all'inizio, fatica importante nelle salite a seguire, panorami mozzafiato, piana di castelluccio da urlo, incontro con il mitico Enrico, pausa pranzo con pasta e olive ascolane 🤤. Tante, tante emozioni.

Tappa 6 bis (martedì pomeriggio) Ultimo sforzo da Ascoli a Martinsicuro. Mood super polleggiato per una tappa quasi tutta in discesa. Unica nota negativa di mia nonna che per festeggiarmi si è riciclata dalle scale — della serie "poteva andare peggio".

arrivato a martinsicuro!

Da Norcia ad Ascoli Piceno

Lascio la bella sistemazione misto Rimini anni 70 e Shining e riparto alle prime luci del mattino. Spero che l'orario mi aiuti a passare le tre gallerie che mi separano da Norcia in maniera serena e tranquilla.

Ho appuntamento a metà strada con Enrico che mi accompagnerà per la discesa che mi porterà in Ascoli.

Colpo di fortuna: i santi operai hanno quasi finito i lavori in galleria e non hanno ancora tolto tutta la segnaletica. Risultato: automobili su una sola corsia a passo d'uomo e una corsia totalmente libera nella quale posso passare tranquillo in bicicletta ✌🏻. Non poteva andare meglio. Arrivo a Norcia in un attimo.

Norcia purtroppo è ancora pesantemente segnata dal terremoto del 2016.

IMG 3948

Il centro di Norcia in buona parte è messo così

Attraverso Norcia e esco verso la salita che mi aspetta.

Qui invece colpo di sfortuna galattica: il percorso GPS mi fa passare da una strada maledetta che è fatta di sassi grandi e scomodi. Oltre ad essere incredibilmente ripida. Causa ripidità devo farmela tutta a piedi.

Dopo la prima salita sono già stanco. Si preannuncia un'altra giornatina di quelle leggere.

IMG 3951 hor

Punto di massima salita a più del 30% (trenta!)

IMG 3961

Meglio dieci cavalli di un solo cinghiale

Pedalo pedalo arrivo alla Piana di Castelluccio. Paesaggio commovente da quanto è bello.

Arrivo alla prima discesa e taaac devo fermarci. Motivo? Animali liberi bloccano la strada. Questa volta è un gruppo di cavalli 🐴🐴🐴

Passo i cavalli, attraverso la piana e ricomincio a salire in direzione Enrico. Quando vedrò Enrico vorrà dire che manca solo discesa fino a casa. Ormai Enrico è un simbolo. È il tedoforo della traversata.

Finalmente lo vedo. È fatta.

Pedaliamo fino in Ascoli. Ascoli! Ormai ci sono!

Olive fritte d'asporto da Migliori subito. Ci spostiamo a casa di Enrico, doccia e pranzo. Rinasco carico di energie ed entusiasmo.

Enrico mi chiede se voglio fare un pisolino ma ormai sono talmente vicino alla meta che non posso trattenermi oltre. Riparto appena finito il pranzo.

IMG 3976

Santo Enrico da Ascoli

Dati

Previsti 76,4km in 5 ore e 28 minuti (con 1500 papocchie di dislivello)

Effettivi 83km in 4 ore e 45 minuti (con 1430 papocchiette di dislivello)

Da Ascoli Piceno a Martinsicuro 🏁

Via in polleggio verso Martinsicuro. È da quando sono partito che mi immagino una super sfiga tipo venire investito voltando per la strada di casa. Per fortuna resta solo una sfiga immaginata.

Arrivo a Martinsicuro (!!!).

Al mio arrivo noto un'atmosfera stranamente quieta. Tempo due minuti e mi spiegano l'accaduto: mia nonna sentendo che stavo tornando, voleva precipitarsi a fare una doccia per farsi trovare  fresca (stellina) e nello scendere le scale è caduta e ha fatto prendere a tutti uno spavento enorme. Ambulanza a casa e raggi.

Per fortuna non si è rotta niente e si è risolto tutto in giornata. 

Non proprio un rientro trionfale ma l'importante è che l'abbiamo fatta.

Tiè per Ancona!

Dati

Previsti 30km in 1 ora e 26 minuti 🤗

Effettivi 33km in 1 ora e  37 minuti 😳

IMG 3978 hor

Ultimo cambio di regione

Se ne riparla a settembre

Mi sono tolto questa cosa del tornare a Martinsicuro in bici. Bene.

Nel farlo ho scoperto che pianificare bene un viaggio, avere la bici adatta per farlo, avere un bagaglio leggero sono tutti aspetti fondamentali e non trascurabili. Non farlo equivale a prendersi un rischio (anche grosso). Non serve avere l'ultimo ritrovato tecnologico, l'ultimo modello di bici... però ecco, bisogna sapere cosa si sta facendo.

Una vacanzina di 4-5 giorni in bici in giro  per paesini di collina-montagna non è niente male, ti rigenera e alla fine ti da una sensazione di serenità e soddisfazione. Come ogni cosa, più ne fai più diventi bravo a prepararti e a pianificare e di conseguenza più ti diverti.

Incredibile a dirsi, non bisogna andare nel resto d'Europa per avere delle ciclabili e degli itinerari piacevoli da fare pedalando. Il centro Italia mi è sembrato un ottimo posto dove fare viaggi in bici. Abbiamo fior fiore di ciclabili e spesso hanno una valenza storia superiore a quanto ci si può immaginare (vedi ferrovia Spoleto-Norcia). E quando non ci sono ciclabili, con un po' di pianificazione si può passare per strade di una bellezza sorprendente.

Prossimo viaggio?

Vedendo uno dei posti più belli  di tutto il viaggio, la Piana di Castelluccio, ho subito pensato ad un posto simile  ma molto "di più": più in alto, con più animali, più grandi, con paesini più piccoli e arroccati tutto intorno. Sto parlando di Campo Imperatore in Abruzzo. Magari il prossimo viaggio proviamo a darci un occhio.

Per adesso mi godo un po' di ferie e lascio la bici in custodia dei miei che già dal primo giorno hanno mostrato più attenzioni di quante gliene possa dare io. Beata pensione.

Ciclismo e pensione binomio perfetto

Non era così pulita manco quando l'ho comprata

Bello ‘sto sito eh, ma me lo dimentico tra meno di subito

Ti capisco amico mio. Neanche io mi ricorderei di me. Per questo ho fatto una pagina about e creato una newsletter che uso per avvisarti quando pubblico qualcosa di nuovo. Metti che ti fa comodo.

Una newsletter? Sì: email molto brevi, molto di rado (la stessa frequenza con cui pubblico), e puoi cancellarti quando vuoi. Non mi offendo.

Facciamolo 💌